La canapa, una risorsa eco-friendly

Le Api amano la cannabis sativa

Il problema dell'inquinamento di suolo, acqua e aria è sempre più sotto i riflettori per il peso che giorno dopo giorno sta assumendo. Tutto ciò che viene prodotto con il petrolio è, di fatto, inquinante (basti pensare alla plastica e ai combustibili). Ebbene, se non vi fosse stato un accanimento nei confronti della coltivazione di canapa, oggi la terra non sarebbe così inquinata!

Plastiche e combustibili potrebbero essere creati proprio con la canapa dalla quale si possono ricavare prodotti eco-sostenibili e bio-degradabili, così come nei settori della bio-edilizia, dei tessuti, della cosmesi e della carta è possibile ottenere dalla lavorazione della canapa prodotti totalmente eco-friendly.

La canapa, inoltre, è un toccasana per i terreni perché è in grado di bonificarli, stoccando i metalli pesanti nelle proprie cellule. La canapa cresce velocemente senza bisogno di pesticidi o diserbanti e grazie all’apparato radicale che si estende fino a due metri, può ripulire il suolo in profondità e renderlo più fertile, così che terreni abbandonati possano essere riutilizzati in agricoltura.

L'aumento delle coltivazioni di canapa potrebbe quindi consentire una riduzione dell’inquinamento del suolo e il ripristino di aree verdi ora inutilizzabili, nonché migliorare la qualità dell’aria e del microclima e, di conseguenza, la qualità della vita stessa. Uno studio della Cornell University, pubblicato su Environmental Entomology ha, inoltre, dimostrato come bèn 16 tipologie diverse di api amino la cannabis sativa. Lo studio è stato eseguito in alcune aree degli USA dove la coltivazione di canapa si è ampiamente diffusa in seguito alla legalizzazione.

La canapa sativa non presenta nettare ma produce polline in abbondanza durante il periodo di carenza floreale -verso la fine dell'estate - e presenta quindi una risorsa per le api che hanno subìto negli ultimi anni la perdita di gran parte del loro habitat naturale a causa dell'agricoltura intensiva e dell'uso di pesticidi.

Per i ricercatori quindi, la coltivazione di canapa è da ampliare e incoraggiare perché può rappresentare una risorsa nutrizionale fondamentale per una variegata comunità di api.